Home arrow Notizie arrow Internet sia al servizio di chi ha più bisogno, lo dice anche il Papa
Internet sia al servizio di chi ha più bisogno, lo dice anche il Papa PDF Stampa E-mail
Scritto da Daniele Damele   
domenica 01 febbraio 2009

Recentemente Papa Benedetto XVI ha lodato internet e i nuovi media. Ha detto che usando la comprensione e la solidarietà umana, la rete di internet e le nuove tecnologie informatiche rappresentano addirittura “un vero dono per l’ umanità”. Contemporaneamente il Vaticano è sbarcato su YouTube, dove sarà garantita una copertura delle principali attività del Pontefice e degli avvenimenti più rilevanti.

E’ indubbio che  l’ accessibilità di cellulari e computer, unita alla portata globale e alla capillarità di Internet, ha creato una molteplicità di vie attraverso le quali è possibile inviare, in modo istantaneo, parole ed immagini ai più lontani ed isolati angoli del mondo: è, questa, chiaramente una possibilità impensabile per le precedenti generazioni.

Molti benefici derivano da questa nuova cultura della comunicazione: le famiglie possono restare in contatto anche se divise da enormi distanze, gli studenti e i ricercatori hanno un accesso più facile e immediato ai documenti, alle fonti e alle scoperte scientifiche e possono, pertanto lavorare in equipe da luoghi diversi; inoltre la natura interattiva dei nuovi media facilita forme più dinamiche di apprendimento e di comunicazione, che contribuiscono al progresso sociale.

I vantaggi offerti dal mondo digitale devono, però, essere messi al più presto al servizio di tutti gli esseri umani e di tutte le comunità, soprattutto di chi è più bisognoso e vulnerabile. Connessione e istinto di comunicazione sono manifestazioni moderne della fondamentale e costante propensione degli esseri umani ad andare oltre se stessi per entrare in rapporto con gli altri.

Il Papa ci ha ricordato che “quando ci apriamo agli altri portiamo a compimento i nostri bisogni più profondi e diventiamo umani: amare è infatti, ciò per cui siamo stati progettati dal Creatore”.

Apprezzando le potenzialità della rete e dei nuovi media, non possiamo, però, tutti, non richiamarci alla responsabilità e al rispetto della dignità e del valore della persona umana su internet: pedo-pornografia e incitazioni all’odio, alla violenza, all’uso di sostanze dopanti o stupefacenti, la denigrazione gratuita non possono essere tollerate. Coloro che operano nel settore della produzione e della diffusione di contenuti dei nuovi media non possono non sentirsi impegnati al rispetto della dignità e del valore della persona umana. Se le nuove tecnologie devono servire al bene dei singoli e della società, quanti ne usano devono evitare la condivisione di parole e immagini degradanti per l’essere umano, ed escludere quindi ciò che alimenta l’odio e l’intolleranza svilisce la bellezza e l’intimità della sessualità umana, sfrutta i deboli e gli indifesi, specie se minorenni.

 
< Prec.   Pros. >
© 2018 Daniele Damele
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
Design by Baekho Design